Project Description

Abbarbicato fra due rilievi calcarei che sovrastano affilati crinali calanchivi e la densa vegetazione del Fosso del Toro, sul versante meridionale del Castello di Fiorentino, questo ripido sentiero offre scorci inconsueti, “momenti” di natura selvaggia e anche l’interessante testimonianza storico-archeologica dei ruderi del Castellaccio.

Il gheppio ed il falco pellegrino, tipici rapaci rupicoli gridano e volteggiano attorno alle rocce, mentre le poiane esplorano i calanchi ed i pendii erbosi in cerca di prede. Sugli speroni rocciosi cantano il passero solitario, dalla bella colorazione bluastra del maschio ed il piccolo codirosso spazzacamino, mentre in inverno può capitare di vedere svolazzare il picchio muraiolo dalla appariscenti ali rosso-nere.

DISLIVELLO: 200m
LUNGHEZZA: 4km
DIFFICOLTA’: media

PUNTO DI PARTENZA