Project Description

Nello scendere verso il torrente Marano, la vecchia cava di gesso spicca subito in mezzo al verde sulla collina di fronte, mentre, contro il mare, si staglia su un altro rilievo gessoso l’abitato del Castello di Faetano. Il piccolo sentiero scende ripidamente, dentro l’alveo stretto ed ombroso del torrente e lo risale incuneandosi fra i massi gessosi, le strettoie e gli anfratti che l’acqua ha scolpito nel tempo sciogliendo il solfato di calcio. Ci si ritrova immersi in un ambiente selvaggio e oscuro dove l’acqua entra ed esce dal sottosuolo.

A rendere ancor più suggestivo il luogo compaiono di tanto in tanto le sagome scure di grossi animali selvatici in legno, talvolta mosse da carrucole e contrappesi, che fungono da bersaglio nelle simulazioni di caccia con arco e frecce.

DISLIVELLO: 120m
LUNGHEZZA: 3km
DIFFICOLTA’: media

PUNTO DI PARTENZA